Film: "300"

12.12.2017

Il film "300" ricorda la battaglia delle Termopili, avvenuta durante la seconda guerra tra Persiani e Greci. Trecento soldati spartani guidati da Leonida, bloccano per tre giorni l'esercito persiano determinato a entrare in Grecia e occuparla. Gli Spartani oppongono una tenace resistenza, ma muoiono tutti. L'episodio verrà ricordato come l'esempio del valore in battaglia, considerato una virtù importante.

Nel film di Zac Snyder ci sono diversi riferimenti storici che ci fanno comprendere la civiltà di Sparta.

All'inizio emerge il tipo di società guerriera e l'educazione statale di tipo militare. Il neonato Leonida viene controllato attentamente alla nascita per essere selezionato fisicamente. A sette anni è allontanato dalla famiglia per iniziare l'agoghé: una formazione lunga 13 anni durante la quale i ragazzi venivano sottoposti a privazioni, fatiche e sofferenze. Nel film Leonida viene frustato e successivamente inviato nella foresta per dare prova della sua forza e del suo coraggio.

Emerge anche l'abilità e l'organizzazione dei soldati spartani che durante la battaglia si dispongono a falange, riparandosi con gli scudi.

Un altro aspetto storico è il ruolo della donna che trasmette ai figli l'amore per la patria e sostiene l'onore eroico del marito. Quando il messaggero l'accusa di essere intervenuta nella discussione fra uomini, la moglie di Leonida risponde: "Le donne spartane partoriscono uomini veri".

L'aspetto storico che emerge di più è il codice eroico spartano. Gli uomini sono pronti a sacrificarsi per la patria e la libertà. "La morte in battaglia al servizio di Sparta è la gloria più grande che la vita possa offrire", così il soldato Delios commenta una scena del film, evidenziando il concetto di "Bella Morte", come la chiamavano i Greci. Morire in battaglia significava difendere la collettività e trasmettere il proprio nome alle generazioni future per non essere mai dimenticati. Per questo motivo, Leonida, sapendo di andare incontro alla morte, chiede al suo soldato Delios di tornare vivo a Sparta per poter raccontare la battaglia. Il film, infatti, è basato sul racconto di Delios e termina con l'esercito greco unito, pronto a combattere contro i Persiani.

Flavia Fardelli, 1B